I link dei maestrini su del.icio.us (tieni il puntatore sul link e compare la spiega)

02 dicembre 2008

Bruciar futuri

Sono un po' bastian contrario, ma non sempre, sole per le cose importanti. Tipo quando avevo 8 anni e mia zia andava matta per i Bee Gees e io, serissima, "ma ho letto che vendono molto solo in Italia". In un lampo di odiosa preveggenza avevo scoperto che se dici qualcosa con sufficiente sicumera citar la fonte non serve a molto, anche perché nell'era dei mass media, fonte? Basta dire che l'hai letto e ancora molti ti credono sulla parola. Non sono mai così convincente come quando mento, non è colpa mia, anzi, è un serio problema perchè quando dico la verità mi viene uno sguardo da scema.

Bee Gees a parte, quando vedo che qualcuno è molto d'accordo su qualche decisione per me molto importante, mi viene subito voglia di cambiare posizione. Non credo di farlo per cattiveria, anche se il sospetto di odiare segretamente tutti coloro che mi vogliono bene in certi momenti viene. E' che è tutta la vita che quanto più avevo ragione, tanto meno me la davano, e allora quando mi percepisco mainstream mi preoccupo.
Il far-la-cosa-giusta è sempre cosa giusta? Non è più giusto fare il-cazzo-che-mi-pare-e-piace? In senso cosmico, non per infantile principio di piacere.
Questo bastian contrarismo alla fine mi obbliga a non dire più niente a nessuno quando faccio qualcosa. E' un po' come quando hai una bella idea per un articolo o per un racconto, io se la dico, puf, si sgonfia. Non è reticenza, è protezione della proprietà intellettuale e del mio futuro. Se dico "Penso proprio che andrò alle Terme Milano" e qualcuno mi dice "grande idea, sono fantastiche" a me subito viene di non andarci. E poi ti odio, perché per colpa tua non sono andata alle Terme Milano, per colpa del tuo cazzo di sorrisetto soddisfatto all'idea che io facessi qualcosa che tu condividevi così compiutamente. Allora sto zitta - che è anche una cosa che mi fa sembrare molto più intelligente - oppure mento - che mi dà un'aria assai competente riguardo a me stessa. In realtà io non so mai cosa sto per fare, ma so per certo che se lo dico a qualcuno, poi quel pezzo di futuro lì me lo brucio. Non datemi retta, qualunque cosa io dica.

Etichette: , , ,

11 Commenti:

Alle 1:40 PM, dicembre 02, 2008 , Blogger aladin & the genius ha detto...

Mafe, proprio bello questo pezzo. Condivido tutto, riga per riga.
Mi piacerebbe averlo scritto io!

;-)

 
Alle 2:22 PM, dicembre 02, 2008 , Blogger larsen ha detto...

@aladin bruciato sul tempo :)

 
Alle 2:33 PM, dicembre 02, 2008 , Blogger Matteo Balocco ha detto...

Si tratta di una tutela della propria unicità.
La vera arte funambolica è restare in equilibrio tra il desiderio di sentirsi unici e speciali e il rischio di essere soli e incompresi.
Anche perchè, per sentirsi unici, bisogna comunque manifestare la cosa a qualcuno.

 
Alle 7:10 PM, dicembre 02, 2008 , Anonymous Auro ha detto...

parlammo un girono delle terme milano e io adesso sto cercando di mettere via il codone di paglia e nel contempo sto cercando negli archivi segreti della mia faccia il sorrisetto soddisfatto ;-)

 
Alle 9:26 PM, dicembre 02, 2008 , Blogger Andrea ha detto...

Ossignor!!
Per favore non farti venire in mente di SMETTERE DI FARE BLOG INSIEME A NOI...!!

(a proposito .. siamo 650.000)

 
Alle 9:27 AM, dicembre 03, 2008 , Anonymous Anonimo ha detto...

A parte gli scherzi.. non è mica un argomentino tanto cretino.. E' il problema dei problemi di questa epoca.
Provando ad allargare la faccenda in tutte le sue forme ci si affaccia facilmente ad una delle ragioni per cui un tizio dall'aspetto persino affabile prende a roncolate i genitori (nella solita villettina deliziosa..) oppure altri due tizi ben integrati con reddito e famiglia decidono di farsi esplodere in Piazza del Duomo.
Ed è anche la ragione per cui a Roma non c'è più nessuno che si lamenta che per passare da un marciapiede all'altro deve trovare un varco fra le macchine e moto parcheggiate...
Alla fine esplodi..

Yeridiani

 
Alle 11:38 AM, dicembre 03, 2008 , Blogger artemisia ha detto...

AIUTO! pure io ho parlato delle Terme Milano e adesso sto cercando in tutti i modi di nasconder la codona... Auro hai qualche suggerimento? ;)

 
Alle 3:16 PM, dicembre 03, 2008 , Anonymous Auro ha detto...

Arte, secondo me ci rimane solo la miniera. Altro che terme e terme ;-)

 
Alle 5:16 PM, dicembre 03, 2008 , Blogger mafe ha detto...

Arte + Auro, mica ho detto che non mi piace ricevere consigli ;-)

Aladin + Larsen, :-)

Matteo, sentirsi unici c'entra poco, davvero.

 
Alle 2:19 PM, dicembre 04, 2008 , Blogger stellavale ha detto...

Fa quello che ti pare e tira dritto.

 
Alle 12:56 PM, dicembre 05, 2008 , Anonymous chiiicco ha detto...

mah ti consiglio una seduta da uno psicologo..sembrano paranoie adolescenziali che avresti dovuto superare da tempo..

 

Posta un commento

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page