I link dei maestrini su del.icio.us (tieni il puntatore sul link e compare la spiega)

03 novembre 2004

La notte dei blogger

A me i blog con aspirazioni letterarie non sono mai sembrati veri blog. A me dei blog piace la trasparenza dell'autore, l'Io in evidenza, la mancanza di distanza, lo sguardo in macchina. Tutte cose che uccidono la narrativa, se ci pensate bene: la narrativa deve fingere e prendere le distanze, ma creando l'illusione di una realtà assoluta.
I blog con aspirazioni letterarie, anche quando ben riposte, i blog senza commenti, senza link, dove pubblicare "storie" io non riesco a leggerli, io per leggere una storia ho fame di carta, di quelle ormai invisibile interfacce chiamate pagine, di uno svolgimento orizzontale e non verticale.

Per questo e per tanti altri motivi, sono assai contenta dell'antologia Einaudi, che ha dato a una ventina di noi (ribadisco il noi, e sapete che non lo uso a caso) la possibilità di misurarsi con una dimensione molto diversa dal post. Trovo il tema "notte" un po' inflazionato (mi perdoni la curatrice); trovo la parola blogger nel titolo un classico boomerang di marketing (e spero di essere smentita), avrei fatto scelte in parte diverse, per quanto riguarda gli autori, ma prima o poi la leggerò, l'antologia. Mi prendo il lusso, per una volta, di non credere agli amici che l'hanno un po' stroncata, e di fidarmi degli sconosciuti lettori dell'Internet Bookshop, che in questo caso godono di quella distanza che permette una maggiore lucidità di giudizio.

0 Commenti:

Posta un commento

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page