I link dei maestrini su del.icio.us (tieni il puntatore sul link e compare la spiega)

23 novembre 2004

Citarsi addosso

Io e il simpatico Metitieri, partendo dai massaggi in un hammam, siamo arrivati a scornarci su un tema a me molto caro: chi - come me e come lui - scrive dell'impatto sociale delle nuove tecnologie può permettersi di "spacciare" le proprie idee su questi argomenti, o deve necessariamente supportarle con dati, numeri e citazioni?
Io penso che dovere di un autore sia quello di far avanzare la produzione di pensiero, anche a costo di essere smentito: condividere con i propri lettori idee nuove, anche se non confortate da altri pensatori, significa uscire dalla spirale del citazionismo spinto per cui sono dieci anni (se non di più) che nel settore si ripetono le stesse cose.
Metitieri invece dice che le mie idee valgono quanto quelle di qualcun altro (ovvio) e che per questo non è serio esprimere per primi intuizioni e tendenze che non siano comprovabili. Sono due prospettive diverse, entrambe legittime: la sua è da giornalista attento a informare senza ricamare, la mia è da ricercatrice wannabe, attenta a cogliere e descrivere le nuove tendenze prima che siano evidenti.
Se sono la sola - o la prima - a pensare che le reti sociali evidenziano un progressivo sovrapporsi della vita sociale di rete e offline, non posso dirlo finché non lo dice qualcun altro? E che gusto c'è? :)

0 Commenti:

Posta un commento

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page