I link dei maestrini su del.icio.us (tieni il puntatore sul link e compare la spiega)

20 settembre 2004

Ermafroditi in carriera

Non tutti i burka sono evidenti: basta guardare come si vestono la maggior parte delle donne in ambito lavorativo. Tailleur senza forma, scarpe senza grazia, è la festa del molle, dello squadrato, del grigio e del marrone. Non è solo questione di comodità, anzi, non lo è quasi mai: è adesione a una regola non scritta per cui, se vuoi esser presa sul serio, non devi essere provocante, non devi essere attraente, non devi essere femminile (se vuoi puoi essere materna o un po' maschiaccio).
Non è una regola stupida, anzi: è solo una delle tante prove che, come divulgativamente argomenta Il Codice Da Vinci, la società cerca di reprimere il femminino in tutte le sue forme, e con la nostra complicità.
Lo pensavo mercoledì, girando per il Bias, tra standiste scosciate e manager tailleurate, io con il mio vestitino elegante e i sabot azzurri, loro senza via di mezzo tra la bella_e_stupida e la intelligente_e_inscopabile. E provvidenziale, sabato pomeriggio, una puntata di Ally McBeal, con Ally incarcerata per oltraggio alla corte; arma del delitto, le sue famigerate microgonne. Verrà data ragione a Ally e ristabilita la libertà di abbigliamento, ma l'ultima parola è di Ling Woo: mi vesto provocante perché si sa che un uomo arrapato è un idiota a cui fai fare quello che vuoi.

Se non sei una tipa à la Ling, però, può essere inquietante cercar di lavorare con qualcuno che ti guarda le tette o di cui ti han riferito i commenti sulla tua percentuale di scopabilità: capisco benissimo che molte donne (e molti capi) preferiscano nascondersi (e nasconderle) dietro vestiti a scatola dai colori neutri. E se non lo trovi inquietante, peggio ancora: sei un po' troia, giochi sporco e sicuramente hai fatto carriera più per i centimetri di tessuto in meno che per le sinapsi in più.

Vi siete mai chiesti a cosa serve davvero il burka, e perché tante donne musulmane desiderano portarlo anche quando nessuno le obbliga?

0 Commenti:

Posta un commento

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page