I link dei maestrini su del.icio.us (tieni il puntatore sul link e compare la spiega)

19 marzo 2003

Stupidi

Se c'è una caratteristica che distingue l'essere umano dagli altri mammiferi è probabilmente l'intelligenza. Nel senso che un essere intelligente dopo la prima volta che si è scottato si guarda bene dal tornare vicino al fuoco. L'essere stupido no: si scotta ogni volta e ogni volta torna al fuoco, e si scotta di nuovo. L'uomo dimostra la sua inferiorità in termini di intelligenza rispetto agli animali soffrendo immensamente per causa della guerra e ogni volta tornando a rifarla, ogni volta credendo che sia la soluzione per qualcosa. Se invece la storia insegna qualcosa è che non c'è situazione in cui la guerra non ha peggiorato le cose invece di migliorarle.

Ieri sera stavo guardando Nascita di Una Nazione di Griffith, film muto statunitense del 1915 che racconta la nascita degli USA a partire guarda caso da una guerra. Sono rimasto colpito leggendo la frase con cui si apre: "Se con questa opera saremo riusciti a comunicarvi i disastri della guerra in modo tale da farvela aborrire, questo sforzo non sarà stato vano". Lo sforzo era imponente (oltre 3 ore di girato nel 1915 erano un'opera titanica) ma a giudicare dagli attuali Stati Uniti è stato vano.

Griffith veniva da un'esperienza di guerra ancora troppo vicina per potersi permettere il lusso di essere tanto stupido da credere che la guerra potesse risolvere qualcosa, mentre noi (nel senso di occidentali attuali) è troppo tempo che non viviamo una guerra per ricordarci quanto è dolorosa e inutile, e siamo troppo stupidi per aver imparato dai nostri errori. Ma stiamo imparando, stiamo imparando, ad avvicinarci sempre meno al fuoco. In fondo c'è voluto solo un milione di anni.

0 Commenti:

Posta un commento

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page